Il marchio Duca Pipe

I

l mio marchio: un omaggio a Ferrara e a tre illustri protagonisti della sua storia:

 

Borso d'Este (1413-1471) Alfonso d'Estefu un figlio illegittimo di Niccolò III d'Este marchese di Ferrara, Modena e Reggio e della sua amante Stella de' Tolomei. La sua politica fu sempre incentrata sul tentativo di espandere lo stato estense e di nobilitare la famiglia d'Este. In questa ottica va vista la sua volontà di ottenere il titolo ducale per i suoi possedimenti. In politica estera fu molto vicino alla Repubblica di Venezia e avverso sia a Francesco Sforza che alla famiglia dei Medici per vecchie ruggini. Questi dissidi portarono alla vana battaglia della Riccardina o della Molinella che non ebbe né vincitori eé vinti.

La corte di Borso fu il centro della Scuola di pittura di Ferrara, cui appartengono Francesco del Cossa, Ercole de' Roberti e Cosmè Tura. Borso era piuttosto avaro per quanto riguarda la cultura: celebre è l'episodio in cui Francesco del Cossa, uno degli autori degli affreschi del Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia chiese un compenso maggiore per le sue fatiche pittoriche e sentendoselo negare da Borso, se ne andò a Bologna per fondare la sua scuola pittorica. La fama di Borso è legata soprattutto alla sua famosa Bibbia, una delle più alte opere di miniatura del Rinascimento italiano. Il successore fu il fratellastro Ercole I d'Este.

Ercole I d'Este (1431-1505) duca di Ferrara, fu uno dei principali mecenati e uomini di cultura del Rinascimento. Figlio di Nicolò III e Ricciarda di Saluzzo, fu educato alla corte aragonese a Napoli dove studiò strategie militari e la cavalleria. Combatté nella Battaglia della Riccardina o della Molinella dove rimase ferito ad un piede e ciò lo costrinse a zoppicare per il resto della vita, tanto che i veneziani, suoi acerrimi nemici, lo soprannominarono Il Ciotto (Lo Zoppo). La rivalità con la Serenissima, a causa delle mire espansionistiche di quest'ultima e della lotta per il monopolio del sale, portò Ercole a combattere la guerra di Ferrara contro i veneziani, alleati a papa Sisto IV. Tale guerra si concluse con una sconfitta suggellata poi con la pace di Bagnolo. Ercole ebbe uno straordinario successo in ambito umanistico e come mecenate, rendendo Ferrara la corte più raffinata d'Europa: i musicisti valloni e fiamminghi arrivarono in Italia e i più celebri compositori europei lavorarono per lui dedicandogli talora della musica: tra loro ricordiamo Alexander Agricola, Jacob Obrecht, Heinrich Isaac, Hadrian Willaert e Josquin Desprez (che compose la Missa Hercules Dux Ferrariae, non solo dedicata a lui, ma basata su un tema tratto dalle sillabe del nome del Duca). Nominò poi il poeta Matteo Maria Boiardo suo ministro e introdusse il giovane Ludovico Ariosto alla corte ferrarese; fece progettare altresì all?architetto Biagio Rossetti la celebre Addizione Erculea, grazie alla quale Ferrara è stata definita la prima città moderna d'Europa. Morì nel 1505 e gli successe suo figlio Alfonso I d'Este.

Alfonso I d'Este (1476-1534) è stato duca di Ferrara, Modena e Reggio, figlio di Ercole I d'Este e di Eleonora d'Aragona, sposò Anna Maria Sforza e poi Lucrezia Borgia, figlia di Alessandro VI. Fu coinvolto e seppe abilmente destreggiarsi nelle lotte tra Venezia e lo Stato Pontificio, spesso inserite nella più vasta contesa tra Francia e Spagna per il predominio in Italia. Fu alleato di Giulio II nella Lega di Cambrai contro Venezia. Venne nominato gonfaloniere di Sacra Romana Chiesa e poi scomunicato e dichiarato teoricamente decaduto dai suoi possessi per non aver voluto aderire alla pace conclusa dal papa con Venezia, nonchè privato di Modena, Carpi e Mirandola che furono occupate dalle truppe pontificie. Nella successiva guerra della Lega Santa si alleò con la Francia e cooperò con la sua famosa artiglieria alla vittoria di Ravenna. Leone X tentò di assassinarlo e di certo la morte di questo pontefice salvò la casa d'Este da una sicura rovina. Alleatosi con l'impero all'epoca dei contrasti tra Carlo V e Clemente VII, ottenne dall?imperatore la conferma dei diritti sui territori da lui controllati, sebbene contestati dal Pontefice. Amante delle arti e delle lettere, fu il protettore di Ludovico Ariosto. Morì per una indigestione, cosa che curiosamente lo accomuna al fratello Ippolito.

 

Per ulteriori informazioni su Ferrara, la sua storia, le sue tradizioni e gli eventi culturali, vi consiglio di visitare i seguenti siti:



Per quanto riguarda gli eventi musicali, artistici e culturali di maggior spessore:

Musica
jazzclubferrara.com
teatrocomunaleferrara.it
ferraramusica.it

Arte
palazzodiamanti.it
artecultura.fe.it

Per quanto riguarda la storia ed i monumenti:
frara.it
castelloestense.it

Per quanto riguarda la tradizione culinaria ferrarese:
cucinaferrarese.it
cookaround.com

Per organizzare il vostro viaggio a Ferrara, informazioni:
provincia.fe.it